Nasce la scrittura


Chi ha inventato la scrittura?

La scrittura nasce verso la fine del IV millennio avanti Cristo (ossia prima della nascita di Cristo). Il vantaggio che la scrittura portò nella vita dei popoli antichi fu la capacità di trasmettere le esperienze alle generazioni successive, cosa che prima era riservata alla cultura orale e che spesso rischiava di perdersi rendendo vani i progressi raggiunti. 
Le prime forme di scrittura si esercitarono utilizzando incisioni su tavole d'argilla fresche poi messe ad essiccare al sole , altre popolazioni predilissero l'incisione su pietra e altre ancora l'utilizzo di fogli di papiro e inchiostro.

La forma di scrittura più antica è quella pittografica, ossia formata da disegni (pittogrammi) che rappresentano oggetti. Si tratta di una scrittura molto semplice da decrifrare e che permette a tutti di essere compresa indipendentemente dalla lingua di appartenenza, richiedendo solo uno sforzo visivo e intuitivo. 
I primi ad adottarla furono i Sumeri.

La scrittura ideogrammatica è più complessa e permette di rappresentare oltre agli oggetti anche le idee astratte, attraverso un codice simbolico per il quale occorre conoscere la "chiave", ovvero il significato attribuito ai vari simboli. Nacque come semplificazione della scrittura pittorica, che essendo molto descrittiva iconograficamente richiedeva tempo e impegno e nella versione adottata dai sumeri e poi usata dai vari popoli mesopotamici, si chiamò cuneiforme. Tra le civiltà che utilizzarono questa scrittura troviamo quella egizia e quella cinese che la utilizza ancora oggi.
La scrittura fonetica, introdotta dai Fenici e dai Greci , usa un sistema che non usa ne i disegni ne i simboli ma i suoni. Ad ogni suono corrisponde una lettera e conoscendo la giusta combinazione di suoni è possibile costruire le parole. Questo è il nostro sistema di scrittura.




L'origine della scrittura

L'origine della scrittura si può far risalire a 5000 anni fa, protagonista la città di Uruk, importante centro sumero, dove presso il tempio di Anu si sviluppò un intenso traffico commerciale.
Inizialmente il compito di tenere i conti delle contrattazioni era affidato ai sacerdoti che dovevano memorizzare tutti i dati, compito assai difficile che divenne impossibile con l'ulteriore crescere e proliferare degli scambi cittadini.

A questo punto si iniziarono ad utilizzare dei metodi alternativi: dentro a recipienti di terracotta venivano inseriti dei sassolini corrispondenti per numero ad ogni merce consegnata, sistema che presto venne sostituito da forme ancora più agevoli e veloci di calcolo, ovvero l'incisione su tavole di argilla fresca di tacche e simboli corrispondenti al numero e all'oggetto della merce di scambio. Questi erano i primi pittogrammi che permisero alla scrittura di manifestare la propria utilità e di svilupparsi nelle società aumentandone il livello culturale.

stampa la pagina

Commenti

  1. Ho scpoerto la data e gli artefici dell'invenzione della scrittura aiutando la mia nipotina di 4a elementare nello studio della storia.

    e' proprio vero che non si ha mai finito di imparare

    RispondiElimina
  2. IV è quarto. VI è sesto

    RispondiElimina
  3. Esattamente, anonimo.
    Grazie per la tua visita, Eliana.

    RispondiElimina
  4. faccio la 4 elementare e questa ricerca mi ha aiutato a avere un voto piu alto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carlotta orsetti18 novembre 2017 12:23

      anche io sto studiando!!!!!

      Elimina
  5. frequento la 4a e ho preso un buon voto per la ricerca sulla scrittura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carlotta orsetti18 novembre 2017 12:24

      io sto studiando e ci sono un sacco di cose interessanti!!!

      Elimina
  6. carlotta orsetti18 novembre 2017 12:22

    studiando per la verifica di storia ho scoperto molte cose che sul libro non c erano(sono di 4 elementare!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

E tu cosa ne pensi? Ti va di lasciarmi un commento?