La collina


Gran parte del territorio italiano è collinare, la collina è un rilievo di modeste dimensioni compreso tra i 200 e i 600 metri di altitudine sul livello dal mare.  Le cime delle colline sono arrotondate e i versanti non sono particolarmente ripidi.  La collina non è un territorio adatto alla coltivazione perché il terreno è solitamente molto friabile, si erode facilmente con le piogge, questo ha portato l'uomo a modificare il paesaggio collinare costruendo delle terrazze artificiali che permettono di sfruttare il clima mite e ottenere grandi appezzamenti coltivabili. Un esempio di terrazzamento è quello della Liguria, una regione con un territorio sacrificato sul mare che ha saputo rispondere bene alle difficoltà ambientali costruendo, appunto, ampie terrazze dedicate all'agricoltura che altrimenti non sarebbe stata possibile.  

Le colline strutturali sono antiche montagne ora erose e consumate dagli agenti atmosferici, fino a farle diventare dei rilievi davvero modesti. Le colline vulcaniche sono antichissimi vulcani ormai spenti da migliaia di anni, gli antichi crateri si sono ormai riempiti di terra e altri detriti e non c'è più alcun rischio che si risveglino.  Le colline tettoniche sono molto antiche, si tratta di accumuli di detriti del fondo marino emersi con il sollevamento della crosta terrestre. Le colline moreniche sono nate con l'accumulo di sassi, detriti e terra trasportati dallo scivolare di antichi ghiacciai verso il fondo valle. 
La flora tipica delle colline è costituita da boschi di querce, castagni, noccioli e faggi. I territori esposti a sud sono ovviamente quelli più adatti all'agricoltura e spesso sono stati disboscati per  poter coltivare grano, ortaggi, viti, alberi da frutto e cereali.
Nei boschi delle colline si trovano  lepri, cinghiali, volpi e scoiattoli, nei prati pascolano mucche, pecore, capre e maiali allevati dall'uomo. 
La vita in collina è sempre stata più facile per l'uomo rispetto alla montagna, gli insediamenti sono sorti un po' ovunque e non è raro trovare antichi castelli e borghi ancora oggi meta di itinerari turistici. 

Leggi anche: Italia: origine del territorio

Nessun commento:

Posta un commento

E tu cosa ne pensi? Ti va di lasciarmi un commento?