Roma: la riforma agraria e i fratelli Gracco

storia di roma facile per scuola primariaMentre la grande Roma si distingueva sui campi di battaglia con grandi vittorie e conquiste, il cuore della società stava collassando proprio per le conseguenze di queste  nuove prosperità: le battaglie e le vittorie arricchivano Roma di nuovi schiavi e territori, ma gli unici romani che ne traevano realmente beneficio erano i grandi latifondisti che già possedevano enormi quantità di terra e che diventavano ancora più ricchi. 

I piccoli proprietari terrieri non ottenevano nulla dai bottini di guerra, molti soldati al ritorno dai campi delle battaglie dovevano tornare alla loro normale vita da plebei, e fare i conti con i propri campi agricoli rimasti incolti, inselvatichiti. Non potendo contare su un reddito che permettesse loro di sopravvivere, molti di questi soldati, contadini, uomini, plebei, romani, era costretto a cedere i propri terreni ai latifondisti stessi e lavorare come dipendenti.

Come dire, al danno si aggiungeva la beffa....

E dopo le guerre di espansione divenne per Roma il tempo delle guerre Civili...



Nel 133 a.C fu eletto tribuno della plebe Tiberio Gracco, fu lui a proporre una riforma agraria che imponesse il limite massimo di terra possedibile dai latifondisti. La terra eccedente questi limiti doveva essere ridistribuita tra i contadini più poveri. La proposta di Gracco ottenne l'immediato sostegno dei plebei, che vi si schierarono a favore riuscendo a ottenerne l'approvazione.
Meno concordi a questa riforma erano i patrizi, e conseguentemente il Senato, nobili privilegiati che non volevano in alcun modo perdere beni e denaro.
Fu il caos, Roma visse un grasse tumulto che culminò con l'assassinio di Gracco e la sospensione della riforma.
ricerca su roma e i fratelli gracco

Trascorsero 10 anni e nel 123 a.C. fu eletto tribuno Gaio Gracco, il fratello di Tiberio.
Gaio Gracco fece approvare una legge che abbassava il prezzo del grano, in modo che anche i più poveri potessero averne a sufficienza.
Nuovamente il popolo esultò e sostenne il tribuno che li sfamava, e nuovamente i patrizi gli si rivoltarono contro, accusandolo di essere un tiranno, e di nuovo scoppiarono grandi disordini.
Gaio Gracco, per non cadere nelle mani dei patrizi, si fece uccidere da un suo fedele sostenitore, immolando anche la sua vita, con quella del fratello, nel nome della giustizia sociale.

Nessuno dopo di loro fu in grado di proporre altre riforme agrarie.

Tiberio e Gaio Gracco erano i figli di Cornelia, figlia di Scipione l'Africano, il vincitore di Annibale.

stampa la pagina

Commenti