Scheda semplificata per studiare gli Appennini

Pagina semplificata per conoscere gli appennini.


Innanzitutto ti propongo di leggere la pagina sugli appennini, leggila come se non si trattasse di un testo da , ma di una pagina da cui vuoi imparare qualcosa.
Ora cerchiamo di estrapolare le informazioni più importanti, quelle che ti aiuteranno a memorizzare il contenuto, e le parole chiave che ti aiuteranno in questo processo.

GLI APPENNINI sono la spina dorsale dell'Italia. La catena montuosa attraversa  il paese nella sua lunghezza, puoi immaginarla come lo scheletro dell'Italia.
Gli appennini iniziano in Liguria e arrivano fino alla Calabria, anche per questo puoi dire che attraversano in lunghezza tutto il paese.
E sono anche in Sicilia!
Una volta, tantissimo tempo fa, i continenti e le terre emerse erano differenti, si sono spostate con movimenti lentissimi che continuano ancora oggi, ecco perché si trovano anche in Sicilia, perché facevano parte di una linea montuosa continua che con il tempo e l'azione del mare si è modificata.
GLI APPENNINI sono composti da rocce calcaree e da argille. Questa composizione rocciosa non è aggressiva, e quindi si è lasciata plasmare dagli agenti atmosferici (venti e piogge) e la vicinanza con il mare l'ha ulteriormente mitigata. Gli appennini quindi hanno perso l'incisività delle vette in favore di un panorama più morbido e a tratti collinare.
Inoltre, l'argilla è un terreno molto friabile e questo ha determinato smottamenti di terreno e frane.  Col tempo, gli appennini si sono abbassati e ammorbiditi.
Molti rilievi dell'appennino hanno origine vulcanica. Questo significa che una volta c'erano tanti vulcani, la maggior parte di questi vulcani ora si è spenta, e si sono formati numerosi laghi sulle punte smorzate delle montagne. Il vulcano più importante di tutti, però, l'Etna, in Sicilia, è ancora attivo, e anche il Vesuvio, in Campania.

Cosa si coltiva negli appennini? E quali animali e vegetazione vi troviamo?

Il terreno e il clima sono l'ideale per produrre olive, viti e frutta. Al sud si coltivano inoltre i cereali.
Al centro e al Sud sono diffusi gli allevamenti di pecore e capre.
Quindi, nel vasto paniere degli appennini, troviamo prodotti come il vino, l'olio, il latte e i formaggi.
La vegetazione degli appennini è varia perché essendo così lunghi sono soggetti a influenze diverse, prima fra tutti quelle dovute alla vicinanza con il mare.
Le vette più alte degli appennini hanno una vegetazione limitata ad alberi che si adattano bene a condizioni di vita più difficili, troviamo i pini  e gli abeti, per esempio (i classici alberi di natale che ci ricordano, appunto, l'inverno) e i larici. Scendendo fino ai 500 metri si aggiungono numerose piante come i castagni e le querce. Infine nei tratti inferiori si trovano piante adatte a climi più miti come le ginestre, l'alloro e l'oleandro.

Gli animali che vivono allo stato brado negli appennini sono di numerose specie, è grazie all'istituzione dei parchi nazionali, dove sono considerate specie protette, che sopravvivono orsi e lupi, senza dimenticare il falco, l'aquila e il gufo.
Il turismo si è sviluppato non tanto in forma intensiva ma in forma qualitativa, l'accoglienza turistica è legata alle risorse del territorio e spesso è incorporata in altre attività agricole, permettendo alle persone di soggiornare nella realtà del territorio, all'interno di agriturismi e strutture alberghiere collocate in modo naturale nell'ambiente.

E ora memorizziamo questi concetti grazie all'uso delle immagini. Non ti scriverò io la didascalia delle foto (ossia quello che rappresentano), puoi farlo direttamente tu, e visto che il modo migliore per studiare è sempre quello di rielaborare, ti suggerisco di stampare queste foto e di incollarle sulle pagine del tuo quaderno, descrivendole "a parole tue".

elementari

gli appennini nonsolodsa

studiare gli appennini pagina nonsolodsa

gli appennini per la scuola primaria

studiamo gli appennini in modo semplice

le risorse Italiane spiegate ai bambini

gli appennini per la scuola primaria

studiamo gli appennini in modo facile e veloce

stampa la pagina

Commenti