L'astronomia degli Egizi

Anche se non uguagliarono mai le conoscenze sviluppate dai Sumeri e dai Babilonesi osservando le stelle, è grazie agli Egizi che l'anno solare è stato suddiviso in 365 giorni e il giorno e la notte in 12 parti uguali, che sapevano misurare con orologi solari o ad acqua. 
Beh, per non avere primeggiato in astronomia, se la sono cavati molto bene!



Osservavano le stelle e le costellazioni venivano identificate con forme di animali come leoni, ippopotami e coccodrilli, oppure associavano agli astri le forme divine che adoravano nell'esercizio del loro culto.



Commenti