I venti e la rosa dei venti

Nel corso della storia gli scienziati delle varie epoche si sono incaricati di applicare i principi astronomici alle esigenze reali della popolazione, l'evoluzione culturale della società ha potuto quindi accompagnarsi e beneficiare di scoperte e invenzioni che oggi ci sembrano "piccole", ma che sono risultate fondamentali per l'uomo.
Come la rosa dei venti. Una figura geometrica a forma di stella, talmente semplice nella sua raffigurazione primaria tanto da rappresentare esclusivamente i punti cardinali, fondamentale per i marinai che navigavano  con  imbarcazioni che per lunghi secoli sono state spinte dai venti.
Le varie punte della rosa hanno quindi assunto i nomi dei venti che soffiavano in quella precisa direzione, e quindi:

Il nord, ossia la tramontana, il freddo vento proveniente dal nord accompagnato di solito da buona visibilità, cielo sereno e assenza di precipitazioni
il nord est, ossia il grecale, un gelido vento che soffia nella stagione fredda associato ai venti di bora
L'est, ossia il levante, il vento estivo che soffia dall'est, nel mar tirreno e nell'adriatico, un vento che soffia soprattutto la mattina e preannuncia il brutto tempo
il Sud est, lo scirocco, il caldo vento proveniente dall'Africa che durante il suo percorso acquista molta umidità, portatore di caldo afoso soffocante
Il sud, il vento di mezzogiorno o ostro, un vento molto debole che nel mediterraneo non viene praticamente percepito
il sud ovest, il libeccio,  un vento energico e umido che preannuncia burrasca e mareggiate
il nord ovest, il maestrale, il vento che porta la gelida aria del polo nord che, scendendo di quota si scontra con aria più calda e umida proveniente dall'oceano atlantico e, soffiando sul mediterraneo,  genera intenso mal tempo.
L'ovest, il ponente, il vento estivo che riguarda l'adriatico e il tirreno e che soffia di pomeriggio

Non sempre il vento segue una corrente direzionale, ci sono venti di caduta che si formano con il cambiamento della temperatura che incontrano scendendo da altitudini elevate ad altre modeste . 
Il Foehn è un tipico vento caldo, primaverile o invernale, che si abbatte sul nord ovest dell'Italia scontrandosi con la catena alpina e riscaldandosi in questa ascesa. Porta con se un vento intensamente azzurro e temperature calde anche fuori stagione.

Ma dunque, cos'è il vento? semplicemente, aria in movimento.

Commenti

Non copiare perché ti becco.. se vuoi citare o condividere leggi le faq