Il sistema solare


Filastrocca per memorizzare il sistema solare:

Il sistema solare è un regno incantato
di cui il Sole è il re incontrastato
e i pianeti, 9 principi adoranti
gli girano intorno tutti quanti


Ecco Mercurio, il butterato
sembra un formaggio stagionato

e Venere, la principessa stravagante
la sua danza originale è assai elegante

e la Terra, florida e generosa
è fonte di vita e del sole è la sposa


e poi Marte, il primo cugino
lo stiamo studiando perchè è il più vicino
forse c'è l'acqua, non dico di no
ma con quel freddo sarà ghiaccio però....

ed ecco Giove, dei nove è il più grande
è tutto un miscuglio di gas che si espande

poi Saturno, il principe prezioso
ha un anello di pietre e ghiaccio maestoso

e Urano
pieno di metano

poi Nettuno
non ci andrà mai nessuno

e infine Plutone
che con il suo Caronte
è l'ultimo
del carrozzone


Al sistema solare della filastrocca, che cita i 9 pianeti che tutti conosciamo, dovremmo aggiungerne altri due, recentemente considerati pianeti dagli organismi competenti: ossia Cerere (l'asteroide più massiccio del sistema solare e considerato pianeta) posizionato tra Nettuno e Plutone, e Eris, l'ultimo nanopianeta dopo plutone, riconosciuto tale dal 2006.
Si accettano consigli per modificare la filastrocca....

Mercurio l'ho definito butterato perchè la sua superficie è cosparsa di crateri meteoritici simili a quelli della luna. Gli sbalzi di temperatura e le violente invasioni di corpuscoli provenienti dal sole fanno escludere ogni possibilità di forma di vita su Mercurio.

Parlando di Venere ho descritto la sua danza originale, in quanto ruota in senso contrario a quello degli altri pianeti. Impossibile pensare alla vita su Venere, il calore è tale da fondere alcuni metalli.

La Terra, il nostro pianeta, è quello in cui si è formata la vita. E' probabile pensare che, in qualche altro punto dell'universo, esistano altri sistemi planetari dove si sia creato un equilibrio simile al nostro, per cui altre forme di vita.

Marte lo stiamo studiando con l'invio di sonde e navicelle atte a conoscere quanti più aspetti del pianeta più vicino a noi. Le temperature non sono certo adatte allo sviluppo della vita, ma non è possibile escludere forme di microorganismi. Alcuni ricercatori sostengono che sotto la crosta solida ci siano grandi quantitativi di acqua ghiacciata diffusa sulla superficie, ma anche ipotizzando un temporaneo surriscaldamento del terreno dovuto alla caduta di meteoriti, l'acqua potrebbe scorrere solo per breve tempo, prima di riassumere le forme del ghiaccio secco.

Giove è il pianeta più grande per dimensioni, quasi completamente composto di idrogeno ed elio.


Simile a Giove per composizione è Saturno, più piccolo e denso, caratterizzato dall'anello che lo circonda e che è costituito da numerosi microsatelliti ricoperti di ghiaccio.



L'atmosfera di Urano è costituita da
metano e ammoniaca, molto simile anche a quella di Nettuno, in entrambi i pianeti è da escludere qualsiasi forma di vita.



Plutone è un piccolo pianeta (ora scopriamo per esempio che Eris è più grande). Viene anche considerato un pianeta doppio perchè il suo satellite, Caronte, è solo leggermente più piccolo.

leggi anche: il big bang e la nascita dell'universo
                   l'universo, stelle pianete e astronavi


2 commenti:

la^maestra^mpm ha detto...

Ciao Giadatea, con piacere sono venuta a trovarti, in questo e negli altri blog. Veramente molto bello, sia per la grafica che per il contenuto. Complimenti! Ci lavora anche tua figlia?
p.s. Grazie per il link a ciao bambini

Davide s. ha detto...

Ciao, sono Davide di "Ciao Bambini", anch'io ho un blog, se vuoi visitarlo vai a: wwwgirovagando.blogspot.com
Ciao

ascolta i post:

Questo sito è supportato da un servizio di audiolettura automatica per aiutare nella comprensione i bambini dislessici. Il pulsante "ascolta" non compare però nelle singole pagine ma solo in home page e nelle pagine di ricerca, potete visualizzare le pagine attraverso i tag laterali o cliccando su una singola etichetta tra quelle a fondo articolo e poi cliccare "ascolta" sotto l'articolo di vostro interesse. La visualizzazione del tasto "ascolta" può richiedere qualche secondo.