Le praterie


Il bioma (ossia una connessione tra un clima e un ambiente correlato) delle praterie si trova nelle zone temperate della terra distanti dal mare e dove le precipitazioni sono scarse.
Il terreno è pianeggiante e non vi sono rilievi e sul suolo crescono piante basse come le graminacee e prati, ossia erbe. 
Gli alberi sono pochi e radi. 
Nelle praterie vivono grandi erbivori come elefanti e bisonti o i canguri in Australia e molti roditori, serpenti e insetti.
Le praterie tropicali e subtropicali si trovano nelle fasce di passaggio tra la foresta pluviale e il deserto e sono simili alle savane, caratterizzate da un clima caldo e secco.

Le praterie della fascia climatica temperata sono caratterizzate da inverni brevi ed estati lunghe e  dominate da una siccità costante, si trovano prevalentemente nell'emisfero boreale e in Europa prendono i nome di steppa.

Le praterie umide sono periodicamente soggette all'inondazione delle acque e si trovano prevalentemente in Brasile, Bolivia e Paraguay.

Le praterie montane sono quelle riscontrabili ad altitudini notevole, la più famosa è quella dei Pàramos nelle Ande.

Le praterie xeriche sono quelle limitrofe ai deserti e segnano il passaggio a biomi più vivibili.

Le praterie polari sono quelle delle zone polari, caratterizzate quindi da climi estremamente rigidi, sono quelle della tundra quando diventa erbosa.




Commenti