Le formiche, chi sono, come vivono, come sono organizzate

L’incredibile mondo delle formiche



Insetti dinamici e diligenti, le formiche appaiono così piccole ai nostri occhi da sembrare insignificanti, in realtà il mondo delle formiche è pieno di sorprese. Le formiche si trovano ovunque sulla terra, anche in quei luoghi in cui l’uomo stenta a sopravvivere, e se pesassimo tutte le formiche del mondo il loro peso supererebbe quello di tutti gli uomini del mondo! Se gli uomini sulla terra sono un po’ più di 7 miliardi (7.000.000.000, con nove zeri) le formiche sono almeno 10.000 bilioni (10.000.000.000.000.000, con sedici zeri…). 
Cugine delle vespe, con cui condividono lo stesso ceppo evolutivo, vivono sulla terra da più di 150 milioni di anni, hanno convissuto con i dinosauri ma nonostante i cambiamenti climatici non si sono estinte, si sono diffuse ed evolute in oltre 12.000 specie.

Studiamo le formiche, abitudini, organizzazione e curiosità
Proprio la presenza di tante specie diverse rende difficile parlare della vita delle formiche in modo assoluto, l’unico elemento che accomuna tutte le tribù di formiche è la ferrea disciplina delle loro società, le formiche che mostrano atteggiamenti anomali vengono cacciate dal gruppo, o uccise. Decisamente le formiche non spiccano per la loro personalità ma piuttosto per la loro operosità e per la loro organizzazione, la formica nella sua individualità non conta nulla, quello che conta è il gruppo. 

Capita, per esempio, che in alcune tribù, col calare del sole, le formiche si rintanino nel formicaio e che questo venga chiuso ermeticamente dall'esterno, per consentire alle formiche all'interno di trascorrere la notte senza pericoli. Per fare questo, ogni sera, alcune formiche abbandonano la vita del formicaio e dopo aver terminato il loro ultimo compito per il gruppo vanno incontro a morte sicura. Allo stesso modo capita che la formica ferita e in situazione di pericolo non chieda aiuto alla sua tribù per essere salvata ma avverta le sue compagne di tenersi lontane, preferendo morire all'abbandono piuttosto che mettere a rischio l’intera comunità. Se una colonna di formiche in viaggio si trova di fronte a una crepa del terreno le formiche possono costruire un ponte col loro corpo e farsi calpestare dalle compagne, che così possono superare l’ostacolo senza dover cambiare strada. Una vita di sacrifici, quella delle formiche, e di instancabile dedizione al lavoro.

Le formiche vivono in gruppi che possono essere composti da poche decine o da milioni di esemplari, possono condurre una vita nomade, senza mai costruire un formicaio e all'occorrenza creando un accampamento direttamente con i loro corpi, tenendosi per le zampe, oppure possono edificare delle vere e proprie città sotterranee con infiniti corridoi e camere. Molto dipende dall'ambiente in cui vivono, dalla presenza di pericoli e di animali nemici da cui nascondersi.

La comunicazione delle formiche

Il senso più sviluppato nelle formiche è l’olfatto e l’organo sensoriale attraverso cui lo percepiscono sono le antenne. Le formiche comunicano tra di loro rilasciando feromoni, scie odorose che utilizzano per dare un’identità al gruppo di formiche, ogni formicaio è caratterizzato dal proprio odore “di casa”, ma la comunicazione delle formiche è molto più complessa, grazie ai feromoni sono in grado di tracciare percorsi, comunicare la presenza di cibo o il suo esaurimento e allertare le altre formiche in caso di pericolo. Oltre all'olfatto le formiche sono dotate di gusto e di tatto, quando vogliono “identificarsi” tra di loro si sfregano vicendevolmente le antenne e alcune specie di formiche sono addirittura dotate di organi stridulanti in grado di emettere deboli suoni. 

Compiti e ruoli delle formiche

All'interno del formicaio ogni formica ha il proprio compito e ruolo, la colonna portante della società è costituita dalle operaie che difendono il territorio, allevano i piccoli, cercano e immagazzinano il cibo,costruiscono il formicaio e lo mantengono pulito e in ordine. La regina è la formica feconda che depone le uova, il suo compito è quello di dare la vita ad altre formiche, ed è anche in grado di decidere il sesso dei nascituri, solitamente femmine operaie ma, una volta all'anno fa venire al mondo nuove giovani regine alate e maschi alati, garantendo la continuità della specie grazie alla nascita di nuovi clan di cui le giovani regine si prenderanno cura. Il compito dei maschi è quello di diventare adulti per poter prendere il volo, partecipando alla sciamata del volo nuziale, e poi morire dopo l’accoppiamento.

Come sono fatte le formiche

Studiamo le formiche, come sono fatte, come si organizzano
Le dimensioni delle formiche variano da 1 a 30 mm, a seconda delle diverse specie, le regine sono più grandi e possono raggiungere i 6 cm.
Il capo delle formiche è molto robusto, gli occhi o gli ocelli sono piccoli e non sono il loro organo più utile, le antenne poste sul capo sono fondamentali per la comunicazione e le loro mandibole sono straordinariamente robuste, soprattutto quelle dei soldati, grazie a loro le formiche possono trasportare pesi anche 50 volte superiori al loro o saltare a grande distanza spalancandole e poi richiudendole come una catapulta. Le formiche hanno 6 zampe dotate di un artiglio uncinato che le aiuta ad arrampicarsi verticalmente. La formica regina e i maschi hanno le ali, la regina dopo aver compiuto il volo nuziale finalizzato alla fecondazione non utilizzerà più le ali, che anzi risultano fastidiose nei movimenti sulla terra, e se ne ciberà per trarre il nutrimento necessario per allevare la prima covata.
L’apparato digerente delle formiche è diviso in due sacchi che si chiamano ingluvie e ventriglio, nel primo si accumulano le scorte di nutrimento da condividere con i piccoli e nel secondo transita solo la quota di cibo destinata al nutrimento della formica e che poi viene digerita. Molte specie di formiche sono dotate di un aculeo, un pungiglione che solo in alcune specie è in grado di emettere veleno, ma tutte le formiche sono in grado di rilasciare sostanze acide e tossiche che usano come armi di difesa o di offesa. 
Tutte le formiche sono dotate dell'apparato riproduttivo ma nelle formiche operaie è atrofizzato e non permette la riproduzione, a questo compito assolve la regina per tutta la tribù, le operaie possono però deporre uova che poi utilizzano come nutrimento per le larve. 


Le formiche operaie costruiscono, puliscono e curano il formicaio
Le uova di formica non hanno il guscio ma solo una membrana, le larve richiedono molta cura per potersi sviluppare e le operaie le spostano continuamente all'interno e all'esterno del formicaio per offrire loro la temperatura e l’ambiente di cui necessitano. 
Le operaie nutrono le larve e queste trasudano una sostanza grassa che le formiche leccano con avidità e soddisfazione. Le larve secernono un filo di seta con il quale, quando sono mature, tessono il bozzolo in cui trascorrono lo stadio di pupa, sviluppando lo scheletro esterno che le vedrà finalmente diventare formiche. 

La vita delle formiche è più lunga di quello che si immagina, una regina può vivere 15-20 anni e le operaie 5-10 anni.


Commenti