Roma: viaggi e commerci



I romani si spostarono molto, sia per intraprendere le campagne di conquista sia per commercio, entrarono in contatto con molti popoli, e da tutti presero e appresero qualcosa. Ai viaggi degli eserciti e a quelli dei mercanti si aggiunsero anche i viaggi per piacere, riservati ai cittadini più ricchi che potevano investire del denaro per accrescere la propria cultura. I romani costruirono molte strade, fiancheggiate spesso da veri e propri punti di sosta: boschetti che offrivano ombra per riposarsi lungo il viaggio, sorgenti d'acqua per rinfrescarsi, tabernacoli per pregare. Per passare la notte ci si poteva fermare negli "hospitia" e nelle "mansiones", un po' come nei nostri odierni alberghi, mentre per mangiare o bere un bicchiere di vino ci si fermava nelle taverne e nelle osterie. 
Nel I° secolo d.C. la Pax Romana diede un forte impulso all'economia dell'artigianato e aumentarono notevolmente le produzioni agricole, accrescendo conseguentemente anche il commercio che fu ulteriormente agevolato dall'introduzione della moneta unica

Si intensificarono anche gli scambi via mare, attraverso i quali i romani potevano approvvigionarsi di grano, sempre più richiesto visto il sempre maggior numero di abitanti, e di prodotti pregiati come spezie e pietre preziose provenienti dall'Oriente. 
I metalli che nel territorio italico scarseggiavano abbondavano invece in Spagna e in Britannia, dall'Africa arrivavano le bestie feroci della savana, dalla Fenicia la porpora e la sabbia migliore per creare il vetro, il miele dalla Grecia e il legname dalla Dalmazia. In ogni paese c'era qualcosa che abbondava e qualcosa che mancava, gli scambi commerciali permisero di vendere i propri prodotti e di acquistare quanto non si riusciva a produrre o ad estrarre dal terreno. Il porto di Ostia era brulicante di navi in arrivo e in partenza colme di prodotti di ogni genere, dal sale alle pelli, dall'olio alla frutta, dall'avorio al papiro. Anche gli schiavi erano considerati alla stregua di oggetti e dunque  merce di scambio.

Commenti