L'apparato respiratorio

L'apparato respiratorio rifornisce di ossigeno le cellule del corpo ed elimina l'anidride carbonica, il gas velenoso  prodotto dal contatto delle sostanze alimentari con l'ossigeno, fenomeno indispensabile per generare quella lenta combustione che produce il calore e l'energia di cui abbiamo bisogno. Il corpo umano è una macchina affiatata in cui ogni organo sa cosa deve fare e lo fa bene, siamo il frutto del lavoro di squadra di tutti gli apparati del corpo umano.

L'aria entra nel corpo attraverso la bocca o il naso, passa prima nella faringe, poi nella laringe e scende nella trachea, un tubo lungo circa 12 centimetri. La trachea si divide in due bronchi che a loro volta si dividono in diramazioni sempre più piccole. Alla fine di ogni ramo ci sono gli alveoli polmonari, piccole sacche piene d'aria ricoperte da capillari. Attraversando le pareti degli alveoli il sangue e l'aria entrano in contatto e avviene lo scambio: il sangue rilascia l'anidride carbonica e fa il pieno di ossigeno.

Tutti gli alveoli sono racchiusi in due masse dall'aspetto spugnoso ed elastico, i polmoni, protetti dalla gabbia toracica.


La respirazione, ossia il continuo scambio di aria pulita e anidride carbonica avviene grazie all'azione di un muscolo, il diaframma, che si contrae e si rilascia generando i due movimenti dell'inspirazione e dell'espirazione. 

Con l'inspirazione il diaframma si contrae, creando spazio nella gabbia toracica che i polmoni sfruttano dilatandosi e riempiendosi così di ossigeno. 

Con l'espirazione il diaframma si rilassa, lo spazio nella gabbia toracica si restringe e i polmoni vengono compressi, permettendo all'anidride carbonica di fuoriuscire attraverso il naso e la bocca. 

Le vie respiratorie e l'apparato digerente hanno l'ingresso in comune, a dividere le due funzioni e permettere il corretto passaggio nei giusti canali di aria o di cibo ci pensa l'epiglottide, una piccola valvola situata dietro alla lingua che si chiude ogni volta che inghiottiamo il cibo per evitare che questo finisca nelle vie respiratorie. Se la valvola è distratta (capita), magari perché mangiamo di fretta, può capitare che un pezzetto di cibo finisca nella parte sbagliata e allora iniziamo a tossire per innescare il meccanismo di risalita del cibo, liberando così le vie respiratorie.


Commenti

Non copiare perché ti becco.. se vuoi citare o condividere leggi le faq


I consigliati del mese

I 7 Re di Roma - Una rapida carrellata dei sette sovrani della Roma monarchica

Inuit e Yupik, i popoli dell'Artide - Alla scoperta di usi e costumi di un popolo antichissimo che rischia l'estinzione

Come vivevano gli Unni? - Abbandonate tutti i pregiudizi sugli Unni e scoprirete un popolo accogliente e multietnico

La gazza ladra - l'elegante vicina di casa che brilla per la sua intelligenza

Cerca nel blog