Il Friuli-Venezia Giulia


Il Friuli-Venezia Giulia è una regione a statuto speciale dell'Italia settentrionale, confina con il Veneto, l'Austria e la Slovenia ed è bagnato dal Mar Adriatico.

Le zone montuose riguardano il 43% del territorio, quelle collinari il 19% e la pianura il 38%.

Il territorio del Friuli-Venezia Giulia può essere diviso in 5 zone: la fascia alpina, la fascia prealpina, l'alta pianura, la bassa pianura e la costa. 

Il confine con l'Austria è segnato dalle vette delle Alpi, a sud di queste si trovano le prealpi carniche e giulie che degradano verso la pianura in numerose valli di origini glaciali. Le pianure sono la continuazione di quelle padano-venete.

Il primo tratto costiero, da Lignano Sabbiadoro a Grado, è lagunare e poco profondo mentre quelle di Trieste sono alte e rocciose.

Il clima a ridosso delle coste è temperato, nell'interno della regione è alpino, la regione è soggetta all'impeto di due venti tipici, la bora, fredda e intensa, che spira da nord est, e lo scirocco, caldo e umido, che spira da sud est.

Nel Friuli-Venezia Giulia si trovano quattro province: Trieste (capoluogo), Gorizia, Pordenone e Udine.

L'economia del Friuli Venezia Giulia vede primeggiare il settore terziario con il commercio, i servizi (prettamente bancari e assicurativi) e il turismo, sia quello estivo delle piagge lagunari che quello invernale delle stazioni sciistiche di Tarvisio.

Segue poi uno sviluppato settore secondario che vede la produzione di elettrodomestici, industrie tessili, meccaniche e alimentari e infine il settore primario con coltivazioni di soia, mais, orzo, frumento, patate, mele e pere e l'allevamento di bovini e suini. L'eccellenza del prosciutto crudo di San Daniele è conosciuta in tutto il mondo. Nelle colline si coltivano vitigni pregiati da cui nascono viti aromatici come il Merlot e il Cabernet, lungo le coste l'allevamento dei molluschi ha assunto dimensioni importanti.

Fino alla metà del secolo scorso il Friuli-Venezia Giulia è stato oggetto di grandi flussi migratori, fenomeno che si è ridotto negli ultimi decenni grazie ad uno sviluppo economico della regione.

La regione, situata in un territorio di confine in cui risiedono diversi gruppi etnici e minoranze tedesche e slave, ha uno statuto speciale per poter meglio rispondere alle esigenze delle popolazioni residenti.


Trieste: Capoluogo di Regione, Trieste sorge al confine con la Slovenia. Affacciata sul mar Adriatico, la storia di Trieste ci racconta di un importante ruolo commerciale e portuale durante l'impero austro ungarico. Attualmente il suo porto è secondo, per importanza, solo a quello di Genova. Trieste è sede universitaria e vanta la più grande piazza italiana affacciata sul mare. All'ingresso di Trieste, affacciato sul mare, sorge il castello di Miramare, residenza di Massimiliano d'Asburgo e della moglie Carlotta nella seconda metà del 1800. Quando la Francia offrì a Massimiliano il trono del Messico, questi partì lasciando la moglie nel castello e quando fu ucciso dai ribelli messicani la moglie impazzì dal dolore.

Gorizia sorge sull'Isonzo, al confine sloveno, il territorio è circondato da colline che ne fanno una grande produttrice di vini pregiati.

Udine in passato vantava un importante centro agricolo, oggi si distingue in particolare per l'industria alimentare di birre e grappe, del settore meccanico e tessile.

Pordenone è un importantissimo centro economico per la produzione di elettrodomestici.

Il Friuli-Venezia Giulia fu conquistato dall'Impero Romano nel II secolo aC, a quest'epoca risalgono le fondazioni di Cividale e di Aquileia. Successivamente  fu occupata dai Longobardi e dai Franchi e, durante il Medioevo, fu inclusa nella Repubblica di Venezia.

Quando nel 1796 Napoleone Bonaparte sconfisse gli Austriaci cedette la regione all'impero d'Austria. Nel 1866 la parte occidentale fu annessa al Regno d'Italia mentre la parte orientale divenne italiana solo con la prima guerra mondiale. La regione nacque ufficialmente solo dopo la seconda guerra mondiale, contestualmente alla cessione della Dalmazia e dell'Istria alla Jugoslavia.


Commenti

Non copiare perché ti becco.. se vuoi citare o condividere leggi le faq


I consigliati del mese

I 7 Re di Roma - Una rapida carrellata dei sette sovrani della Roma monarchica

Inuit e Yupik, i popoli dell'Artide - Alla scoperta di usi e costumi di un popolo antichissimo che rischia l'estinzione

Come vivevano gli Unni? - Abbandonate tutti i pregiudizi sugli Unni e scoprirete un popolo accogliente e multietnico

La gazza ladra - l'elegante vicina di casa che brilla per la sua intelligenza

Cerca nel blog