Il Piemonte: caratteristiche, storia, economia e risorse



Il Piemonte è una vasta regione dell’Italia settentrionale, seconda solo alla Sicilia per estensione, ricopre una superficie di 25.402 km quadrati nel nord-ovest della penisola dove vivono oltre 4 milioni e 400.000 persone. 
Il Piemonte non ha sbocchi sul mare, confina a ovest con la Francia, a nord con la Valle d’Aosta e con la Svizzera, a est con la Lombardia e per un breve tratto con l’Emilia Romagna e a sud con la Liguria. 
Il suo è un territorio prevalentemente montuoso delineato da confini naturali: i valichi delle Alpi e degli Appennini, il lago Maggiore e i fiumi Ticino e Sesia. 

Studiamo il Piemonte e l'importanza di Torino. Pagina per bambini.La città capoluogo di Regione del Piemonte è Torino, città metropolitana che vanta il titolo di prima capitale d’Italia, avendo portato questa corona dal 1815 al 1864, capitale strategica nella storia dell’Unità d’Italia destinata a lasciare il testimone a Firenze per una breve tappa prima di raggiungere il vero obiettivo degli italiani, Roma. 

Il nome Piemonte significa “ai piedi del monte”ed esprime proprio la principale caratteristica del territorio, le catene montuose sono importanti e imponenti e non ci sono prealpi ad ammorbidire il paesaggio declinando dolcemente a valle, gli aspri rilievi sono un corollario che circonda e lambisce le zone collinari e pianeggianti dove si sono sviluppati i principali insediamenti umani.

Il fiume principale del Piemonte è il Po, che lo attraversa da ovest ad est e nel quale confluiscono i numerosissimi corsi d’acqua della Regione.

La massiccia presenza montuosa condiziona il clima alpino che è rigido, caratterizzato da inverni freddi ed estati calde, soprattutto in corrispondenza dei rilievi, in pianura e in collina è  più mite dove può risultare anche più umido in prossimità di laghi e corsi d'acqua.

Storia dell’economia Piemontese: Torino e la FIAT


La storia del Piemonte e di Torino in particolar modo è una storia importante per l’Italia, sia politicamente che economicamente: la vicinanza con la Francia e l’influenza del casato dei Savoia  hanno contribuito a dare un energico impulso alla fiorente industria che nel '900 ha visto la sua popolazione aumentare notevolmente, principalmente per l'arrivo di molti lavoratori dal sud Italia che trovavano occupazione nelle fabbriche. La FIAT, "Fabbrica Italiana Automobilisti Torino" ha alimentato il fiorire di molte altre industrie complementari, come quelle chimiche e plastiche produttrici di vernici e pneumatici, contribuendo in modo determinante a trasformare Torino in una città metropolitana, agli antichi ed eleganti palazzi del centro si sono aggiunti massicci quartieri residenziali, allargando sempre di più la cintura della città.



Oggi l’importanza economica della Fiat in Piemonte si è notevolmente ridotta diventando marginale, la produzione si è spostata principalmente in altre regioni Italiane e all'estero e per quanto a Torino resti un importante apparato amministrativo e uno strategico centro decisionale l’offerta di lavoro si è abbattuta, parallelamente al numero degli abitanti che è stato però bilanciato dal nuovo afflusso di cittadini extracomunitari.



Economia del Piemonte


Gli stabilimenti chimici e tessili e la produzione elettronica rivestono un ruolo importante nell'economia attuale del Piemonte, ma uno dei settori maggiormente trainanti della regione è sicuramente quello alimentare, con in testa la produzione di cioccolato, come i famosissimi Gianduiotti, i cioccolatini che prendono il nome dalla maschera del Carnevale torinese, Gianduia. 

Per quanto riguarda il settore terziario spiccano le imprese bancarie e assicurative, l’editoria, il commercio e il turismo, quest’ultimo fortemente legato alle attività sportive montane come lo sci e l’escursionismo ma non solo, il connubio tra l’eccellenza di produzioni alimentari e vinicole e l’accoglienza turistica stanno generando un nuovo fenomeno di sviluppo delle risorse del territorio, in particolar modo nelle Langhe. 

Alba è una graziosa cittadina nella provincia di Cuneo, circondata da colline dal profilo morbido e accogliente dove i vigneti producono vini di altissima qualità apprezzati in tutto il mondo e dove l’oro nero dei tartufi affiora con le sue fragranze più pregiate, tanto che recentemente è stata paragonata alla Toscana per il forte impatto turistico che suscita a livello internazionale. Inoltre la presenza della Ferrero, l’industria dolciaria madre della Nutella, la cioccolata spalmabile creata con le preziose nocciole locali, contribuisce a dare impulso all'economia che ritrova nelle risorse del territorio gli stimoli necessari per prosperare solidamente.
Il Piemonte spiegato ai bambini
Data la connotazione del territorio, prevalentemente montuoso, l'agricoltura è meno sviluppata dell'industria anche se nel solo Piemonte si produce la metà del riso di tutto il paese. Altre produzioni importanti sono quelle di granoturco, frumento, ortaggi e frutta. L'allevamento, specialmente quello bovino, è ben sviluppato così come le conseguenti produzioni di latte e formaggio e la produzione di legname è intensiva e rappresenta un quinto di quella nazionale. 

Ricerca sul Piemonte e le sue provinceLe province del Piemonte sono 8 e rappresentano realtà spesso molto differenti tra di loro per via della posizione e delle caratteristiche del territorio. Le più grandi sono quella di Torino e di Cuneo, che infatti è chiamata "Provincia Granda", sorretta da un'economia in cui coesistono agricoltura, allevamento e industrie tessili e chimiche, Asti è un importante centro agricolo in cui spicca una notevole produzione di vino,  Alessandria gode di una posizione privilegiata nella regione per le produzioni agricole ma buona parte della sua ricchezza deriva anche dalla produzione di profumi e di cappelli, Vercelli è sostenuta dall'economia del riso e le sue campagne, allagate dalla primavera all'autunno offrono panorami più vicini a quelli lagunari che a quelli montani, anche la vicina Novara è terra di riso oltre ad essere un importante nodo stradale e ferroviario . Biella è la provincia più piccola e ha sviluppato un'importante industria laniera, Verbano-Cusio-Ossola è la provincia più giovane, istituita nel 1992 con lo scorporamento di molti comuni del novarese, la sua economia è prevalentemente basata sul turismo agevolato dal clima mite e dall'affaccio sul Lago Maggiore.

Ricerca sul Piemonte per studenti delle elementari e delle medie
Le province del Piemonte in base alla loro dimensione

Commenti