Amministrazione delle province dell'Impero Romano


Anche se i primi imperatori sostenevano di essere dei semplici custodi della repubblica e di rivestire il ruolo imperiale esattamente come aveva fatto Giulio Cesare, per superare le crisi delle guerre civili, questo era falso, dopo Augusto Roma aveva cessato di essere una Repubblica.

Quello che però era ancora vivo, e che permise all'Impero di prosperare, furono molte istituzioni che la Repubblica aveva reso solide e ferme, come il Senato e il sistema di gestione delle province.

La gestione delle province fu determinante, in pratica si incoraggiava la prosperità dell'élite indigena, che poteva godere dei vantaggi della romanizzazione e ricoprire importanti ruoli amministrativi e politici all'interno delle province.

I grandi monumenti come gli acquedotti, gli anfiteatri e le basiliche che furono costruiti ovunque nel territorio imperiale non erano commissionati o pagati dal governo centrale ma erano voluti e finanziati dai locali, che per garantirsi un'elezione e conquistare il favore della popolazione innescavano una munificenza competitiva che offriva vantaggi tangibili e utili.

i romani in britanniaCommissionare e pagare un'opera edilizia importante era un modo per rafforzare il proprio prestigio, per adeguarsi allo stile di vita romano e trarne i conseguenti vantaggi politici ed economici. 
Anche in una provincia lontana e altrimenti difficile da presidiare come la Britannia questo sistema permise di mantenere a lungo la pace, la maggior parte della popolazione era indigena e viveva alla maniera dei romani mentre le truppe romane, ormai soldati in pensione, si erano uniti in matrimonio con i locali ed erano quindi immigrati integrati.

Allo stesso modo, l'esercito del tardo impero sarà alimentato quasi interamente dalle truppe di quegli "ex barbari", ormai annessi all'impero, come goti, popolazioni germaniche e galli.

Commenti

Non copiare perché ti becco.. se vuoi citare o condividere leggi le faq

I consigliati del mese

I 7 Re di Roma - Una rapida carrellata dei sette sovrani della Roma monarchica

Inuit e Yupik, i popoli dell'Artide - Alla scoperta di usi e costumi di un popolo antichissimo che rischia l'estinzione

Come vivevano gli Unni? - Abbandonate tutti i pregiudizi sugli Unni e scoprirete un popolo accogliente e multietnico

La gazza ladra - l'elegante vicina di casa che brilla per la sua intelligenza

Cerca nel blog

Fruga nell'archivio

Mostra di più